domenica 23 gennaio 2011

JAN ŠVANKMAJER: surrealismo, stop motion e manierismo.

7 commenti:

robydick ha detto...

genio assoluto! visti tutti i suoi film, tutti capolavori!

almacattleya ha detto...

Già le immagini sono potenti (soprattutto quelle di Dialogue) vederli in azione è molto di più. Ho fattoo vedere alcuni suoi cortometraggi a dei miei amici. Erano inchiodati, impietriti da un senso di inquietudine, ma non potevano fare a meno di non guardare.
Anch'io ho realizzato un post su Svankmajer:

http://almacattleya.blogspot.com/2010/12/omaggio-jan-svankmajer-e-alla-sua.html

Anonimo ha detto...

Bada che la strada quassù prima o poi ti (ri)porta ai video di Adam Jones.
Passando per gli specchi sacri di Alex Grey.
Di lì ai gatti di Wain il passo è veramente breve.
Finisce che ti va in sollucchero la pineale e scivoli giù beata per la tana del bianconiglio.
Mentre fischietti "Aenima" dei Tool.

Io t'ho avvertita. ;)

D.M.

p.s.
Arredamento nuovo, vedo. O____O
Ah.. in geopolitica glissi sempre di lusso, me l'ha detto Bashir.
Il cinema puro aiuta.
Evidentemente.

Baisers

Cotone ha detto...

Il Marchettini, quale onore!
L'arredamento è cambiato, vero, le inquiline no.
Nemmeno la sua prosa, a quanto pare.
In geopolitica glisso spesso e volentieri, verissimo, anche perché trovo stupido spendere 4 righe per qualcosa, quando persino la sgangherata wiki gliene dedica almeno 30. Non le pare?
Detto questo: no, non so fischiettare.
Buoni pensieri

Cotone ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Cotone ha detto...

Eve, darling, hai ancora quella brutta cotta per il Marchettini?
Dammi uno di questi titoloni e ti prometto che mi ci dedicherò anima e corpo, gelato e divano compresi, ma il cuore spezzato no, il mio cuore è fatto d'acqua:-)
Baci darling.

eve ha detto...

Allora spero che ti si prosciugherà a furia di lacrime.
Guarda un film tratto da un bel romanzo, tipo Pride and prejudice, Jane Eyre, Cime tempestose. Cose da donne sensibili!