domenica 21 novembre 2010

WOYZECK, Werner Herzog, 1979 (Note di Simona)


Dopo kaspar Hauser,confesso: non fu affatto facile accettare una nuova scommessa con Herzog...
Fu così che sola in un tiepido sabato di settembre mi ritrovai scetticamente Woizeck tra le mani. Al tramonto me ne uscii innamorata. E ’difficile da decifrare, i suoi soggetti non sono consueti, ma nelle sue mani è custodito un modo di fare cinema puro.
Il linguaggio, la storia, la trama passa tutto attraverso una scelta semiotica, paesaggistica perfetta. Le forme di un corpo, le pieghe di una fronte assorta e pensierosa,un busto dalle spalle a botte con un punto vita stretto sul quale si affaccia un seno prosperoso. Delle gote rosse vino e labbra carnose.
Un capo pelato, una fronte ampia, un petto forte che sprigiona energia nelle braccia muscolose e ben gonfie sotto la camicia di tela. Non occorre altro perché l’attenzione si concentri su queste due figure. Hergog direi che non ama arricchire le sue scene di oggetti o luoghi non necessari, questo però non ha nulla a che fare con la semplicità. Le sue scene scarne hanno particolari che colpiscono per la loro immediatezza.
A volte credo di associarlo ad un chirurgo, si, credo proprio di si: vestito con il suo camice verde che seziona le scene della pellicola una ad una come se fossero i ventricoli di un cuore che batte. Solo chi ama così tanto quello che fa riesce a curarne così minuziosamente i particolari. Sembra avere una esperienza centenaria e invece questo cineasta tedesco se così mi è concesso definirlo è solo un giovanotto, come direbbe mio padre. Mi piace l’idea che ci siano miei coetanei in grado di produrre oggi un cinema di così alta qualità, cosi poco convenzionale, così lontano da certi miti e certe leggende. Genuino nella sua ricerca di un collocazione in una sala cinematografica, che in Italia ancora manca. Non ho ancora tutti gli strumenti per interpretare a pieno l’idea di cinema di H, per ora mi piace, mi eccita l’idea di averlo incrociato..
Woizeck possiede qualcosa di grandioso, non ho mai visto un' opera teatrale così ben rappresentata dal cinema. Un testo teatrale così interpretato nella fisicità di ogni sequenza. Una storia dura, drammatica nel suo epilogo sanguinoso e sanguinario immediatamente così giustificata.
Le parole trovano un limite nella loro interpretazione, le immagine di Woizeck no.
Buona visione.
Simona

18 commenti:

almacattleya ha detto...

io ho visto il film perché si doveva fare proprio lo spettacolo teatrale di Woyzeck ed è stato bellissimo sotto ogni punto di vista.

robydick ha detto...

tra i più belli di Herzog, uno dei miei registi preferiti.
ciao :)

Eraserhead ha detto...

La critica ritiene che i capolavori di Herzog siano altri (Fitzcarraldo, Aguirre). Per il sottoscritto, invece, questo è il suo Capolavoro. A mio avviso non raggiungerà mai più tali vette artistiche nell'ambito della finzione, vuoi per i suoi interessi più documentaristici, vuoi per un'assenza filmica insostituibile: Kinski, qui al top assoluto.

Michela ha detto...

Tesoro mi associo all'ultimo commento: Klaus Kinski in grande, grandissimo spolvero.
Overture sartoriale, mortifera e grottesca insieme del miglior Werner Herzog.
La piéce di Buchner è magnifica, va detto, ma che bel vestito si è messo addosso Kinski!
Il tipico film di cui non contano i difetti, contano solo i pregi.
Ti bacio, a più tardi!

Eve ha detto...

P.S.
Poi un giorno mi spiegherete quanti anni avete, perchè se Herzog è un vostro coetaneo siamo messi male..E' nato negli anni 40 se non sbaglio, avrà almeno 60 anni, sono preoccupata per voi.

Cotone ha detto...

Eve forse tu non abiti a Pescara, ma più vicino. La prossima volta che ti incontreremo verremo a tenderti la mano, per salutarti e ringraziarti di tanta partecipazione.
Buona settimana.

Anonimo ha detto...

"E' nato negli anni 40 se non sbaglio, avrà almeno 60 anni"
Mhhh?....vediamo....2010-60=1950....c'è qualcosa che non va....se è nato negli anni 40 avrà circa 70 anni....
se non erro le nozioni di matematica vengono acquisite un pò prima di quelle di cinematografia, tipo alle elementari? :)

Mi sa che sono stato un pò antipatico....Wow,allora è vero,sono capaci tutti a fare gli acidi se si impegnano un pò, allora thx Eve per le lezioni che ci hai dato nel corso degli anni via web! :)

Anonimo

Eve ha detto...

Blandi, miseri tentativi di intimidirmi...
In matematica andavo benone, d'altra parte, quella che non è stata alle elementari è Simona, coi suoi strafalcioni, anche se ora evidentemente passa dalla sua maestrina prima di pubblicare un post.
Io non ho dato lezioni di acidità, ma di puro sarcasmo, cosa che manca ad entrambe le due amichette del cuoricino. Io non vi conosco e non ho niente di personale contro voi due, sappiamo bene quale articolo mi fece scatenare contro gli strafalcioni "simoniaci"...E non mi sembra un caso che quel post e tutti i suoi 300 commenti infuocati siano stati rimossi. O erro?
Poi non mi sembra di essere stata sempre così acida, solo che non sopporto la grossolanità di Simona e quel sottinteso indispensabile che si legge sempre nei post di Michela, ovvero: - non importa cosa mi dirai, io sono più interessante, più attenta e più intelligente di te.
In più, i commenti negativi dovrebbero stimolare queste due ragazze, che a volte sembrano troppo abituate ai complimentini...
Non so se con questo intervento il signor ANONIMO pensava di avere avuto una grande trovata...Grazie, grazie mille per il contributo indispensabile aggiunto al bel film di Werner Herzog! Davvero imprescindibile!
Più sottile, invece, l'intervento delle ragazze -Michela, a giudicare dalla furbizia- Spiacente! Io non vi conosco!
Devo dire che tra tutti i difensori che avete avuto questo ANONIMO è il più penoso!
Chissà chi delle due l'ha sguinzagliato:)
Perché è un maschietto, vero?

Anonimo ha detto...

Che intuito,wow!da cosa l'hai capito che sono un "maschietto", forse dal " sono statO un pò antipaticO"?Si vede che sei un'attenta lettrice, non ti sfugge proprio nulla :)


Firmato: "un penoso maschietto" :)
Mi piace, suona bene!

Eve ha detto...

ANONIMO:
Il tuo Q.I. non ti consente di fare di meglio?
Bravo cagnolino, che fa bau bau per amore della sua amichetta...
Come maschietto sei verbalmente impotente, mi auguro solo verbalmente, "penose" è un aggettivo che si addice ad altre!
Almeno un tempo dovevo battermi col Marchettini, che era innamorato pazzo di Michela e guai chi la toccava, ma se non altro era colto e pungente e sapeva scrivere!
Tu non vali niente, sei un NOBODY!
Sei così modesto!
Bau bau mia amata: questo ti piace?
Suona bene?
Non hai risposto alla domandina:
-chi delle due ochette ti ha sguinzagliato?
Paura? Manca il coraggio piccolino?

Anonimo ha detto...

Basso Q.I., lessico modesto, impotenza verbare(con allusione riguardante anche la sfera amorosa), sottomissione alle due "tirranne".Lo ammetto:sono sconfitto!
Certo che però avresti potuto mostrare un pò di pietà nei confronti dell'avversario palesemnte surclassato ed evitare di umiliarmi così pesantemente....Ti assicuro poi che sul "NOBODY" ho vacillato,lo ammetto:sono affranto.

P.S.ovviamente confesso di aver cercato queste arcaiche parole ("vacillato" e "affranto") sul vocabolario

P.P.S. e ovviamente poi mi è toccato cercare anche la parola "arcaico"

(ironia)

Ciao,
o meglio, BAU!

Eve ha detto...

Ok, piccolo dolce omosessuale, cominci a piacermi...
Però si scrive "verbaLe", non "verbaRe"!
Continui a non rispondere, che devo fare una partita a indovina chi?
-Porti gli occhiali?
-Hai i capelli biondi?
-Hai i capelli o sei calvo?
-Porti il cappello?
-Sei magro?
Però che darò una seria occhiata alle foto di tutti i tizi che compaiono nell'album "What's up etc"...Mi faccio una bella idea e torno, piccolo mio...

Anonimo ha detto...

O cavolo hai ragione, ho controllato sul vocabolario: si scrive "verbale"!e io che ero convinto che si dicesse "verbare", come farei senza di te :)

Allora il gioco mi piace:
-non porto gli occhiali
-avevo i capelli lunghi,ricci,castani ma ora li porto cortissimi
-mai il cappello
-magro

Quel piccolo mio non mi demoralizza,anzi, ha un non so che di sensuale. Comincio a piacerti? è reciproco! :)

Eve ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Eve ha detto...

Ah, bene, le tiranne hanno rimesso il guinzaglio al cagnolino?
Siete ridicole!

Cotone ha detto...

Eve io non ho nessuna intenzione di starti dietro.
Ti faccio il punto della situazione:
d'ora in poi, commenti e critiche saranno ben accetti, come al solito, ma SOLO se pertinenti.
Tutte le parole relative alle qualità o ai limiti di alcune PERSONE verranno considerate come ingiustificati INSULTI (e quindi rimossi).
Passo e chiudo.

Luciano ha detto...

Mi fa piacere che questo grande film ti sia piaciuto. Herzog riesce sempre a sorprendermi.

Anonimo ha detto...

Sei sparita Michy!
Deve essere tutta colpa della gran Milan!
Battilo questo colpo...
Luca